Come vendere l’oro che non usi più

vendere oro che non usi più_800x531

Spesso si conservano bracciali, orecchini, collane o altri gioielli d’oro anche quando non si utilizzano più. I motivi possono essere diversi, ma quello più comune è che non sempre si ha la giusta conoscenza delle possibilità di vendita dell’oro usato. Altre volte, possono essere i timori di una valutazione non conveniente, se non volutamente truffaldina, a far preferire la conservazione dell’oro piuttosto che la sua vendita.

Se vuoi vendere l’oro che non utilizzi più la prima cosa da fare è rivolgerti a un centro oro serio e professionale, in grado di garantire la migliore valutazione del tuo oro e, soprattutto, assicurare la massima trasparenza nelle operazioni di compra-vendita. Tra i molti nomi dei Compro Oro, ve ne sono alcuni sui quali si può avere la massima fiducia, perché garantiscono esperienza, trasparenza e sicurezza come, ad esempio, i negozi OroCash. Ma cosa significa poter contare su queste garanzie?

Quando ti rechi presso un Compro Oro per la vendita di gioielli, lingotti o monete nel nobile metallo devi sempre ricordare una serie di norme fondamentali per avere la certezza di una transizione a norma di legge, conveniente e sicura. Per prima cosa, ad esempio, per poter lavorare nel campo della compra-vendita dei metalli nobili i negozi devono essere riconosciuti dalla Banca d’Italia, ossia devono essere autorizzati ad operare sul territorio italiano. Questi negozi, infatti, devono seguire una serie di norme che permettono di avere la certezza che l’oro venduto non finisca al mercato nero. Per questo motivo gli operatori del Compro Oro ti chiederanno sempre un documento di riconoscimento, per registrare la transazione in maniera corretta. Devi ricordare che per poter vendere l’oro è necessario essere maggiorenne: per legge, infatti, i punto di compravendita dei preziosi non possono acquistare oro in nessuna forma da ragazzi e ragazze che non hanno compiuto i diciotto anni. Un’altra importante cosa da ricordare è che i Compro Oro non possono pagare in contanti a meno che la somma da corrispondere non sia inferiore ai mille euro. Anche in questo caso, proprio come per la richiesta di un documento d’identità all’atto della vendita, i motivi sono da ricercare nella lotta al riciclaggio. Vendite consistenti di oro vanno infatti tracciate, in modo da poter sempre risalire al venditore. Per lo stesso motivo è obbligatorio per il Compro Oro emettere regolare documentazione attestante l’operazione di compra-vendita.

Probabilmente, però, al di là di queste informazioni tecniche fondamentali, l’aspetto che ti interessa maggiormente se vuoi vendere il tuo oro è quello relativo alla valutazione. Per prima cosa, devi allora ricordare che per avere la certezza del valore di questo metallo puoi seguire il fixing dell’oro che viene effettuato dalla Borsa di Londra due volte al giorno. Dovrai sempre ricordare che i valori che vengono comunicati fanno riferimento all’oro puro, ossia quello a 24 carati. Si tratta di un oro che viene utilizzato esclusivamente per i lingotti e per alcune monete: per i gioielli, invece, l’oro più comune è quello a 18 carati. Questo aspetto è fondamentale quando si procede alla vendita, per cui è fondamentale, prima di procedere alla vendita, controllare non solo la quotazione dell’oro puro, ma anche quello dell’oro a 18 carati. Un altro importante aspetto che devi ricordare quando vuoi vendere il tuo oro è che la differenza nelle quotazioni dipende solo dalla percentuale dell’oro nel gioiello e, quindi, dal suo peso. Non vi è quindi differenza tra oro di colori differenti, così come non c’è alcuna differenza tra gioielli semplici o molto elaborati. I due unici fattori che conteranno nella valutazione saranno il peso del gioiello e il suo contenuto in oro.

Ricorda anche che un operatore attento prima di effettuare la valutazione dovrà effettuare due operazioni. La prima è quella di rimuovere le eventuali pietre preziose dal gioiello; la seconda è invece quello di pesare il gioiello in modo tale che anche tu possa vedere il valore risultante. In tal modo potrai calcolare il valore del gioiello a seconda del fixing, del peso e dei carati.