Confezionatrici: ecco i bisogni primari del settore farmaceutico.

pannello-controllo-confezionatrice-CP.x75938_800x599

Hai un’azienda che si occupa di macchine confezionatrici e stai pensando di allargare il tuo mercato anche al settore farmaceutico?

Le confezionatrici automatiche sono macchine che si prestano molto bene alla realizzazione del packaging per i prodotti del settore farmaceutico, siano essi in polvere, che in grani che in pastiglie.

Se ti interessa questo mercato e vuoi scoprire qualcosa in più per studiare la giusta soluzione per soddisfare le esigenze dei clienti allora continua a leggere questo articolo.

Confezionatrici automatiche: i bisogni e le esigenze del settore farmaceutico.

Il settore farmaceutico, come avrai intuito, presenta delle caratteristiche molto diverse rispetto ad altri settori.

Questa forte diversità è dovuta principalmente al tipo di prodotto, ovvero i farmaci: dalla fase di progettazione a quella di scelta dei materiali, ci sono delle regole che devono essere rispettate per non mettere in pericolo la salute delle persone e per non rischiare di incorrere in sanzioni elevate.

Sono due gli aspetti che devono essere tenuti sotto controllo:

  • l’imballaggio;
  • il design.

 Confezionatrici per il settore farmaceutico: quando un imballaggio si definisce “sicuro”.

Al fine di garantire un prodotto integro e affinché non vengano causati danni alla salute delle persone che utilizzeranno il farmaco, è necessario che il materiale con cui verrà realizzato l’involucro favorisca il mantenimento delle molecole.

Per dirla in parole più semplici: il principio attivo del medicinale non deve essere alterato.

In questa circostanza dovrai cestinare tutto ed avrai soltanto perso tempo, denaro e materie prime.

Per garantire la sicurezza di utilizzo del farmaco è necessario che:

  • il confezionamento abbia tratti facilmente riconoscibili anche per le persone più anziane;
  • che la confezione presenti la scritta in braille per i non vedenti;
  • che il formato che hai scelto possa essere facilmente utilizzato da tutti, sia i più giovani che le persone più anziane.

Mi raccomando: il formato di qualsiasi medicinale che realizzi deve essere difficile da aprire per i bambini. 

Confezionatrici automatiche: il principio User-Centered Design.

Il principio dell’User-Centered Design mette al centro di ogni cosa i pazienti, i medici, i farmacisti, gli infermieri ed in generale tutti coloro che avranno a che fare con i farmaci di cui realizzerai la confezione.

Rispetto agli altri settori, dove il confezionamento di un prodotto deve invogliare il cliente ad acquistarlo, nel settore dei medicinali questa ha il compito di rendere lo stesso facile da riconoscere anche per chi non è così esperto (i pazienti, per intenderci).

Per ottenere dunque un risultato di massima qualità ho pensato di regalarti una piccola lista di “linee guida” che secondo me potranno esserti utili immediatamente dopo aver acquistato le tue macchine confezionatrici verticali oppure orizzontali.

Tutte le confezioni di medicinali secondarie che realizzerai dovranno avere:

  • il nome del medicinale;
  • il suo principio attivo;
  • la data di scadenza;
  • la quantità di farmaco contenuta nella confezione.

Non sottovalutare mai questi aspetti, che probabilmente ti sembrano banali: ricorda che la maggior parte delle persone getta sempre via la scatola e dunque è  molto importante curare anche la progettazione del contenitore secondario.

Bene, non mi resta che augurarti buona fortuna con il tuo nuovo business!