Frese per il legno che si spezzano, cause e rimedi

10

La lavorazione del legno è un hobby che dà tante soddisfazioni, ma quanto ci si arrabbia quando le frese per il legno si spezzano? Anche se non si è alle prime armi, infatti, può capitare che mentre si sta fresando l’utensile si rompa inaspettatamente, provocando un danno non solo di tipo economico, ma anche alla nostra pazienza! Per prevenire la rottura delle frese per il legno è fondamentale riuscire a comprenderne le cause, così da porre rimedio ed evitare rotture multiple.

Perché le frese per il legno si spezzano

Come tutti gli utensili, anche le frese per il legno si spezzano, ma se ciò accade è per un motivo preciso che va individuato. Può trattarsi di un errore di tipo tecnico, ma anche della mancata manutenzione della propria strumentazione: sta a te capirne la causa andando per esclusione.

Fra le cause più probabili, ci può essere una scelta errata della fresa per quel tipo di lavoro e di legno: infatti, la fresa e di conseguenza i suoi taglienti vanno scelti in base al tipo di lavorazione da eseguire e alla tipologia di legno. Ruolo fondamentale svolgono anche i materiali di costituzione di tali utensili: se, ad esempio, si usa una fresa per il legno in acciaio per lavorare un legno duro, è molto probabile che questa si spezzerà; allo stesso modo, le frese per il legno economiche, di quelle realizzate con materiali scadenti, tendono a consumarsi e ovviamente a spezzarsi in percentuale maggiore rispetto a frese più robuste.

Il consiglio, in linea generale, è quello di optare per delle frese di qualità, meglio se italiane, come quelle di Fraiser.

La manutenzione della strumentazione

Magari sei un hobbista che usa la sua fresatrice solo ogni tanto; magari, invece, sei un po’ pigro e rimandi sempre la manutenzione della tua strumentazione: non c’è da stupirsi che poi le frese si spezzino! La mancata o scarsa manutenzione della fresatrice e del tuo kit di frese per il legno può pesare molto sulla bontà della fresata, così come accorciarne drasticamente la vita.

È buona norma pulire sempre la fresatrice e le frese con detergenti appositi e non aggressivi, verificandone così anche lo stato eventuale di usura dei componenti e operando la sostituzione senza procrastinare troppo a lungo. Liberate i taglienti da trucioli e micro polveri e, soprattutto, occupatevi della pinza della fresatrice. Sebbene qualcuno tenda a dimenticarsene un po’ troppo spesso, questa componente è essenziale per tenere salda la fresa durante la lavorazione, specie se si opera a giri e velocità sostenuti: dunque, assicurati sempre che questa sia libera da micro polveri, detersa alla perfezione prima di cominciare a fresare e che non presenti usura. Se la fresa si è spezzata, sostituisci direttamente la pinza della fresatrice, così da evitare che le micro polveri possano danneggiare la nuova fresa.

L’importanza delle scelte tecniche

Per avere una fresata liscia e senza bruciature ed evitare altresì che le frese per il legno si spezzino, è importante fare delle scelte tecniche adeguate, così che tu possa lavorare in maniera sicura e senza problemi. Per prima cosa, è importante definire il metodo di foratura da adottare, che sia adatto al tipo di legno e di lavorazione; allo stesso modo, è essenziale gestire al meglio sia la velocità di rotazione delle frese per il legno, sia la velocità di avanzamento.

Nel primo caso, per ogni fresa esiste un massimo di giri che questa può sostenere durante la lavorazione: tale indicazione può fornirtela il tuo ferramenta di fiducia, ma la trovi anche sulla scheda tecnica della tua fresa. La velocità di avanzamento è un paramento molto tecnico e più difficile da definire, poiché ingloba una serie di variabili importanti come la durezza del legno, la profondità di passata, l’usura della fresa, la quantità di taglienti, ecc.