Prodotti per la casa: sempre più digital, sempre più green

Volano i fatturati del comparto prodotti per la pulizia della casa. Nel corso del 2019 si è tenuto l’Osservatorio del Mercato, realizzato da Federchimica Assocasa, basato sui dati forniti da Nielsen. Parliamo di una crescita su base annua del +1,4%, nonostante questa non sia equamente ripartita sul territorio. Troviamo infatti una contrazione della domanda nelle regioni del Sud Italia. Questo disparità non ha comunque influito eccessivamente sul quadro generale positivo del Paese. In questo articolo faremo una panoramica precisa del settore.

Prodotti per la casa e detergenti: un settore in crescita

Come ancicipato, il settore dei prodotti per la casa e dei detergenti, sta vivendo un momento piuttosto positivo, nonostante una situazione non omogenea a livello nazionale. Ma anche all’interno della stessa famiglia merceologica si evidenziano alcune differenze. I prodotti per lavastoviglie e per le stoviglie in generale infatti, mostrano una flessione dello 0,4%. Al contrario, i consumatori hanno preferenza per i gel, perché più facili da dosare. In altre parole parliamo di un consumo più responsabile, perché si spreca meno prodotto.

Segnali decisamente positivi invece, provengono dai detersivi per WC, con un +0,8%, ma soprattutto dagli anticalcare, con un +4,4%. Anche per quanto riguarda i detergenti per bucato, la situazione non è uniforme. Da una parte troviamo un calo generale dello 0,3%. Dall’altra i prodotti monouso invece crescono a scapito delle formulazioni in polvere. Anche in questo caso, il motivo del successo è da ricercarsi in una migliore ottimizzazione dei dosaggi. Lo stesso trend positivo lo possiamo trovare anche nei coadiuvanti lavaggio, grazie ad un +3,1% degli ammorbidenti, e ad un +5.2% dei brillantanti.

Prodotti per la casa e detergenti: i canali commerciali

Alcuni canali commerciali hanno conseguito fatturati più alti rispetto ad altri. Gli specialisti drug ad esempio, hanno registrato un +8,1%, secondi solamente alle grandi catene commerciali. Questo dato è molto indicativo, perché è la riprova di come i consumatori tendano a cercare la qualità, chiaramente abbinata alla migliore offerta. Ma c’è un altro canale che di anno in anno guadagna sempre più terreno, ed è quello dei discount, con un +2,8%. La situazione rimane invece pressoché invariata sia per gli iper che per i supermercati, rimasti a guidare il mercato indisturbati. Ma non troviamo solamente la vendita al dettaglio ad influire sul trend positivo.

La vendita diretta infatti, sta crescendo esponenzialmente. A dichiararlo è Avedisco, associazione di categoria, che riporta come i fatturati riferiti all’anno 2018 siano di ben 2,8 miliardi di euro. Le aziende che utilizzano il sistema distributivo della vendita diretta, notoriamente hanno proprio nei prodotti per la casa il loro asso nella manica. Complice anche l’opportunità lavorativa fornita praticamente a chiunque, queste aziende stanno vivendo un momento particolarmente florido, quindi una parte del merito dell’andamento positivo del settore detergenti, deve essere attribuita anche a loro. Ad amplificare il tutto, il fatto che in questi dati vengano considerate solamente quelle aziende che fanno parte del circuito Avedisco, ma sul mercato ne troviamo molte altre.

Il boom della detergenza ecosostenibile

Lo rivela la “terza edizione dell’Osservatorio Immagino“: i prodotti di detergenza per la casa sono sempre più ecosostenibili. I detersivi green rappresentano un universo in fortissima espansione. Per comprendere meglio la situazione, basti pensare che nel 2017 su quasi 8.000 articoli, circa 500 riportavano un claim ecologico sull’etichetta. Nel loro complesso, questi rappresentavano da soli l’8,8% del mercato, con fatturati in crescita continua. D’altronde capire il perché del trend non è poi tanto difficile, data la rinnovata attanzione che le persone in generale stanno mostrando negli ultimi tempi verso le tematiche ambientali.

A contribuire in maniera positiva alla situazione, probabilmente anche un altro fattore. Che lo shopping online stia vivendo in generale un momento positivo negli ultimi anni, non è certamente un segreto. Comprare online, oltre ad un taglio dei costi, permette anche un risparmio di tempo. Spesso tra gli scaffali dei supermercati la spesa si fa di corsa, e non sempre si presta molta attenzione alle etichette. Le persone di frequente si affidano per questo motivo ai soliti marchi noti visti in TV. Online la situazione invece cambia. A portata di click infatti, è possibile trovare di tutto in pochi istanti, e la consultazione stessa dei volantini online, come quello del catalogo Stanhome sul sito di Kimbino, richiede solamente pochi istanti. Il relax del divano di casa, permette una spesa più responsabile.

Separator image Posted in Casa.